Ateneo

La sede dell'Accademia delle Belle Arti "Val Di Noto" è ospite del Consorzio Universitario Mediterraneo Orientale, presso la prestigiosa sede dell'ex istituto C. Giavanti.
La precisa denominazione dell’Istituto è “Casa Refugio o Collegio per ragazze orfane o povere Carlo Giavanti” ed ha in se la sua straordinaria storia.

Fondato da Carlo Giavanti Barone del Buxello (circa il 1540 – 11 Ottobre 1606) grande filantropo netino. Nato da Mariano e da Margherita Inga, ebbe 6 sei fratelli, sposò una certa Caterina dalla quale non ebbe prole. Nel 1606, con apposito atto notarile, il Barone Carlo Giavanti istituì il Collegio o Refugio: "Oggi lunedì santo, 20 marzo 1606, io sottoscritto, cittadino di Noto, col presente atto di pubblica donazione assegno ai rettori e procuratori del Monte di Pietà e di Carità di questa Città onze 800 per la fondazione di un Collegio per fanciulle povere e orfane. Ciò alla gloria di Dio, a beneficio spirituale mio e della mia consorte Caterina, in salvezza delle anime e a decoro della Città".

Nella nuova Noto il Collegio femminile - popolarmente denominato "Istituto Giavanti", eretto in ente morale nel 1867- ebbe una prima sede nel vasto monumentale edificio - situato a sud dell'ex monastero cistercense di S. Maria degli Angeli o San Tommaso - con ingresso nell'attuale via Raffaele Trigona. Nel 1872 il sindaco di Noto, a motivo dell'ampliamento del carcere penitenziario, dispose il pronto sgombero della Casa del Refugio; perciò orfanotrofio, asilo infantile e convitto e deliberò il traslocò nel vicino ex Convento Francescano di S. Maria di Gesù, edificio comunemente indicato con accento spagnolo “Jèsu”.

Sino al 1970 il Giavanti è stato diretto dalle vincenziane Figlie della Carità, sostituite il 16 luglio 1971 dalle Orsoline di Malta le quali, con generosa disponibilità, vi hanno esercitato il loro carisma, donando affetto materno alle tante bambine ospiti sino al 2003, anno della chiusura di questo prestigioso Istituto cittadino di beneficenza.

L’attuale complesso architettonico, interamente restaurato con apposito finanziamento da parte dalla Protezione Civile e completato nel 2009, è la sede del CUMO e costituisce una delle Sedi Universitarie più belle della Sicilia ed ospita:

  • 15 Aule
  • Due Aule Magne
  • Aula Informatica in rete ad alta velocità con accesso Internet ed accesso al Sistema SBA
  • Due reti Internet ad alta velocità destinate alla Segreteria Universitaria Messina ed alla Direzione ed Amministrazione del Consorzio;
  • Sistema di Video Conferenza
  • Biblioteca ed Accesso al SBA diffuso su tutto l'edificio del Consorzio con accesso disponibile e gratuito a tutti gli Studenti.

hdemia noto

Seguici su Facebook


Contatti

  info (@) hdemiavaldinoto.com
 Via A. Sofia, 78 - Noto
  0931.1934134 - 380.6828348
 334.7524924